V CONGRESSO DI TERRA JONICA ESTETICA E MEDICINA “AMBIENTE,SALUTE E TUTELA” DELLA BELLEZZA

V CONGRESSO DI TERRA JONICA ESTETICA E MEDICINA “AMBIENTE,SALUTE E TUTELA” DELLA BELLEZZA

Sentirsi belli non e’ mai un fattore secondario se si affronta un percorso di cura nei confronti di un male spesso oscuro o invasivo. A qualcuno potrà sembrare banale o superficiale, ma i cambiamenti estetici spaventano prima ancora delle conseguenze sulla salute. Cosi capita spesso che anche le persone che fino al giorno prima non davano particolare peso alla loro immagine si ritrovano a dover rimodulare il loro rapporto con il mondo esterno a causa di una perdita di capelli o segni evidenti sul proprio corpo.

Attraverso il corpo ,il viso ,la chioma dei capelli noi comunichiamo con l’esterno e non e’ ininfluente  esserci o meno in quel mondo quando già una malattia ti costringe a cambiare la propria vita.

Per questa ragione la frontiera medica e’ quella destinata al supporto psicologico da tempo ormai sperimenta l’approccio a malattie invasive attraverso anche l’utilizzo di strumenti per la cura e la salvaguardia della propria immagine esteriore.

Su questo importante tema, nella città dell’emergenza epidemiologica,si sono confrontati medici ed esperti di estetica in un convegno organizzato dal Centro professionale e Accademia di studi superiori di Taranto CEAS sotto il patrocinio dell’Universita’ degli Studi di Bari e del Comune di Taranto.

In una città come la nostra in cui il livello di tossicità dell’aria e’ dovuta all’inquinamento,diventa urgente rigenerare la persona anche attraverso azioni di resilienza che servono a migliorare la propria qualità della vita – scrivono i referenti della Scuola di Estetica Ceas – e saper tornare ad essere una persona viva a fronte di uno shock, come una grave malattia,e’ al centro delle recenti metodologie che servono a riequilibrare corpo e anima.

Un inno alla bellezza di cui si e’ fatto interprete il Comitato Tecnico Scientifico del Congresso formato dall’oncologo patologie cervice-facciali Alfredo Procaccini,dall’esperta di dinamiche comportamentali e relazionali Maria Rosaria Fortiguerra e dai direttori della Scuola Ceas Rosa Borgia e Antonio Stefanelli.

L’evento si e’ svolto nella sala convegni del Centro Commerciale Ipercoop Mongolfiera a Paolo VI il 20 aprile di quest’anno.